Welcome Travelers: Micigliano tra tradizione, natura e neve.

Riprende la nostra rubrica sui meravigliosi borghi del Bel Paese. Questa settimana vi proponiamo una meta molto invernale situata nel Lazio, si tratta di Micigliano.

Micigliano è un piccolissimo borgo del rietino, con una popolazione di 111 abitanti. Incastonato a 1005 metri di altitudine tra gli appennini dell’Italia centrale, questo piccolo paesino dimostra la resilienza della piccola popolazione che lo abita, nonostante le intemperie. Il paese è poco esteso, ma vanta origini antiche, che risalgono al decimo secolo. È proprio in questo periodo storico che il borgo prende forma, come territorio di confine dello Stato Papale.

La crisi kazaka: motivazioni e retroscena

In questo fermentato clima politico, sociale e sanitario che il 2022 ci ha portato, spicca tra le principali testate giornalistiche e nei notiziari televisivi il caso del Kazakistan.

La Repubblica del Kazakistan è un Paese dell’Asia centrale. L’ ex repubblica sovietica vanta un’estensione territoriale enorme a fronte dei suoi 19 milioni di abitanti, principalmente di religione musulmana. Inoltre, la sua collocazione geografica, tra Europa e Asia, e tra Russia e Cina, colloca la repubblica asiatica come crocevia principale della nuova via della seta di Xi Jinping, carismatico leader della Repubblica Popolare cinese.

Storie di integrazione: Afro Napoli United

Questa settimana abbiamo deciso di intraprendere un nuovo percorso con i nostri lettori. Welcome Association Italy si impegna ad assistere i suoi associati da qualsivoglia punto di vista, dall’arrivo alla permanenza nel nostro magnifico Paese. Quello che sfugge è il modo in cui i cittadini stranieri vivono in Italia. Per rispondere a questa domanda, intendiamo introdurre i nostri lettori a una nuova rubrica chiamata Storie di integrazione.

Lo stato della pandemia in Italia

L’ impennata della curva dei contagi, assieme al crescente numero di decessi, preoccupa le istituzioni italiane, e non solo. Il trend dei contagi ha iniziato la sua scalata a inizio dicembre e da allora è stato un crescendo. Pur non avendo dei dati relativi al Natale, è presumibile aspettarsi, al termine delle festività, una crescita ancora maggiore del numero dei contagi, dovuta alla mobilità degli studenti, i viaggi vacanza e il ritorno dei lavoratori dai parenti.