La vecchia nuova realtà

Finalmente sono uscito. Dopo due mesi dall’inizio del lockdown, ho riassaporato il gusto fresco e primaverile di passeggiare tra le vie della mia città, che ora mi appaiono più belle che mai. La prima sensazione che ho avuto quando la mia vista si è trovata di fronte quella pletora di vie, viuzze, palazzi e parchi che sempre mi hanno accompagnato tacitamente e servilmente durante i miei sbagli, le mie vittorie e le mie risa, è stata quella di trovarmi in un’altra città; una città che si presentava a me per la prima volta, esponendomi il suo volto di colori e profumi che mi hanno inondato i sensi. Dentro di me è emerso un sentimento di stupore e meraviglia – come ho fatto a non accorgermi di tutta questa bellezza, di questa via, di quella finestra, di quel negozio, di questa panchina ora rallegrata dal peso di una giovane coppia – come quando fai un viaggio in una città nuova e vieni accarezzato da un flebile tremore lungo la schiena che ti consegna quella sensazione tangibile che ti dice che sei emozionato. E così è stato oggi, quando ho attraversato quelle vie, che sono sempre state “mie”, quei paesaggi che ho visto più volte, ognuno dei quali con sentimenti diversi, quelle case che mai sono state così colorate; e mi sono sentito ospite all’interno di quella quotidianità che per anni ha annoiato la mia vita. Ma la verità è che nulla è cambiato. Tutto è rimasto dov’era, aspettando diligentemente il ritorno delle vite che hanno riempito lo spazio e hanno ricamato su quei paesaggi avventure e desideri provenienti da aghi diversi; come un cane che legato ad un palo aspetta speranzoso e impaziente il ritorno del suo padrone. Ed allora se tutto ciò che mi circonda è rimasto tale, perché mi appare come una sedicente novità? La risposta sta dentro di noi: non è ciò che osserviamo differente, siamo noi, o meglio è il nostro punto di vista che è cambiato. Il nostro vecchio Io è stato abituato a scorrere come un fiume in piena attraverso tutte queste immagini che incasellavano la nostra fuggevole vita come la cornice derelitta ed arrugginita di un quadro raffigurante una natura morta; siamo appassiti di fronte a ciò che la natura e la nostra città ci offrivano come panacea ai problemi quotidiani, abbiamo costruito intorno a noi una realtà che non ci apparteneva più: abbiamo coperto con un velo – simile a quello del filosofo Schopenhauer, dietro al quale si nasconde il noumeno, la cosa in sé – i nostri ricordi e la nostra infanzia, abbiamo offuscato e celato le cose superflue e pleonastiche che affaticavano i nostri già stanchi sensi, e abbiamo trattenuto nel nostro arido e tedioso mondo solamente quelle abitudini e quei gesti di cui ci lamentavamo a fine giornata o che rendevano le nostre vite insostenibili. Ma alla fine, ciò che abbiamo realmente coperto è il nostro Io: siamo diventati ciechi pur continuando a vedere, siamo improvvisamente diventati i protagonisti del romanzo “Cecità” dello scrittore portoghese Josè Saramango, nel quale una malattia sconosciuta faceva perdere la vista, indistintamente dalla classe sociale e dall’etnia di appartenenza, a tutte le persone che la contraevano, tirando fuori da esse i loro istinti più turpi ed efferati per rivelare che la vera cecità da cui erano affetti era quella d’animo. Con la sola differenza che noi, “grazie” a un virus che ci ha costretto a rinchiuderci a casa e a scoprire più da vicino noi stessi, abbiamo ricominciato finalmente a vedere. Nulla è cambiato – se con uno sforzo di acquiescenza accettiamo i nuovi comportamenti sociali –, o meglio: le abitudini e gli atteggiamenti che prima davamo per scontati, ombre invisibili che seguitavano il nostro incedere, ora assumono una livrea del colore della libertà. È cambiato il modo in cui diamo forma alla realtà – il nostro Io ora libero dalla corrente incessante della vita ha trovato uno scoglio di assoluta verità sul quale aggrapparsi -, perché quella è sempre stata tale nel suo esistere, ora però – simile al pongo con il quale giocavamo da bambini – cangia il suo modo d’essere ed è plasmata dal nuovo sguardo sulla vita, più leggero e serafico. Adesso che riusciamo, forse per la prima volta, a poggiare il nostro sguardo sulle cose, e non ad evitarle avendo paura del loro ingombro all’interno della nostra cameretta personale che arrediamo di esperienze e sentimenti di anno in anno, ci accorgiamo di quanto è bella la natura, quanto sono belle le nostre città, quanto sono comode quelle panchine di legno che sempre abbiamo odiato; finalmente eliminiamo dalla realtà circostante quella maschera triste e bulimica che il nostro precedente Io le aveva indossato, e le regaliamo una nuova fatta di colori e speranza. Forse, proprio ora che ci siamo dovuti fermare e abbiamo inopinatamente sperimentato il sentimento della solitudine, che ossimoricamente ci ha fatto compagnia negli ultimi due mesi, riusciamo a togliere il velo di Maya, riappropriandoci di quelle cose che avevamo scartato dalla nostra vita. Attenzione però a coprire la realtà con una nuova maschera, perché anche se ci appare più bella e nuova rispetto a quella precedente, essa può facilmente coprirsi di ragnatele e perdere la venustà acquisita: d’altronde, non è importante la maschera che viene messa, ciò che più importa è quello che si cela dietro di essa.
Torna alle news
Tags
#Chiesa #FAST #Ukraine #WAI #WelcomeUkraine 100 vele Academy Accademie Italiane Accommodation agevolazioni albanesi in utalia Albania alunni stranieri Aquila arte Artyou Roma Assadakah Assegno familiare stranieri assegno sociale assegno sociale per stranieri Assicurazione Assicurazione Sanitaria Assistance assistenza medica in Italia assistenza per stranieri assistenza socio sanitaria Association Associazione per stranieri attesa occupazione attualità aumento costi SSN Aut Basilica San Pietro Bocconi Bolzano bonus bebè bonus mamma Borghi business italia business visa Italy CAF Cambiamento climatico Carta d’identità per cittadini stranieri carta di soggiorno Carta identita CELI cerco lavoro CERTIFICAZIONE VERDE certificazioni informatiche CI cibo CILS cina cittadinanza cittadini albanesi cittadini extra comunitari Cittadini extra UE cittadini stranieri cittadino extracomunitario clima climate clock Codice fiscale colosseo congedo mestruuale conversione permesso copertura sanitaria copertura sanitaria stranieri coronavirus corsi di lingua italiana corsi lingua italiana corsi online corsi professionalizzanti corsi stranieri corsi universitari corsi universitari online corso formativo COVID 19 crisi climatica cultura culture curiosità Dama Galleria Dante decreto flussi dichiarazione di presenza didattica Digital digitale diritti documentazione scuola stranieri documento di soggiorno in trattazione donna donne economia editoriale emergenza sanitaria entrare in Italia Erasmus esami EUR Europ Assistance Europa eventi eventi letterari eventi wai evento velico Fake news family reunification femminismo Festa festa della donna festa della mamma Festa della Republica Festeggiamenti finanza Firenze Fondazione MAXXI foreign students formazione formazione professionale Formula E Friday for Future Fridays for Future Gay Pride gender gap Giardini del Quirinale Gran Premio Grandmother Project Green health insurance for foreigners Health insurance italy Hi-tech Holidays Rome ICOMOS ID ID card inclusione Indiani Integrazione international student Iran iscrizione anagrafica iscrizione scuola infanzia iscrizione stranieri a scuola iscrizione volontaria SSN ISEE Islam istituto David istituzione italia Italia rimborso spese Italy Klimt kosovo Laurea lavorare in Italia Lavoratori lavoro lavoro al nero lavoro degli stranieri lavoro stranieri lazio legalizzazione documento letteratura lettura LGBTQIA+ Lifestyle LIM lingua italiana Little by Little Luiss marzo master italia Master primo livello Matera Mauritania Milano studi Mille miglia Ministero degli Esteri Ministero della Cultura Ministero Istruzione Minoranze Modena molise Museo Virtuale notizie utili Overseas Palazzo dei congressi pandemia pensione in italia pensione per gli stranieri pensione stranieri permesso di lungo periodo permesso di soggiorno permesso soggiorno PermessoUE PILDA Pittori Pixar pizza Playlist Politecnico di Milano Politecnico Milano polizza sanitaria precariato Premio pace Primo Maggio pubblica amministrazione punteggi docenti raccolta fondi Ramadan recessione reddito di inclusione Reggia di Caserta regolarizzazione residence card Residence Permit resident permit ricongiungimento familiare Riconoscimento non accademico riconoscimento titolo di studio rimborso spese mediche rinnovo passaporto rinnovo permesso Road to Rome roma Romapride Rome Rwanda Sacro Cuore Sciopero Scuola scuola iscrizione stranieri Scuola italiana scuole di lingua seminario Senegal servizio sanitario nazionale SMA Smart working soggiornare in italia sonno spagna spese mediche Sportello Unico per l’Immigrazione Spotify stranieri stranieri a scuola stranieri e scuola Stranieri in Italia stranieri tessera sanitaria straniero Extra U.E. studente Extra UE studenti studenti albanesi studenti in Italia Studenti stranieri Studiare in Italia study visa tablet Talenti Italiani tax code tecnologia tempo libero tessera sanitaria Tor Vergata tour virtuali traduzione travel for work Trieste trovare lavoro turismo turismo in Italia UCAI Ucraina ue Unesco università università telematiche vacanza vacanze Vaticano Verona viaggi viaggiare visa visite guidate Visto visto d'ingresso visto d'ingresso per affari visto Schengen uniforme Vivere in Italia vivere in Italia VN VSU VTL WAI academy WAI corsi Welcome Association Italy welfare World Heritage Day

Lascia un commento

Commenti

Senza Titolo(Obbligatorio)