“medici e infermieri della terra”

Ebbene sì, oggi abbiamo un malato ulteriore: la terra; ma non il pianeta terra che da qualche mese ha scoperto nuovamente cosa significa “respirare”, quanto è bello fare un lungo sospiro e riempirsi i polmoni di aria pulita e di uccellini, quanto è bello sentire sulla pelle delle nuvole i brividi del vento voluttuoso, che ora è più leggiadro più fresco e ribelle. La terra di cui parlo è quella dei nostri avi, delle nostre nostalgiche ed empatiche case di campagna, da dove nascono frutta e ortaggi, che emanano profumi di maturità e fatica, mentre si scrollano di dosso le tenere carezze del terriccio soffice e affabile. Ma dove c’è un parto, c’è un ostetrica che permette alla nascita di avvenire; e i nostri ostetrici silenziosi e solerti (e privi di diritti) – e abbronzati di un sole che controlla duramente il loro operato tutto il giorno – sono la pletora di agricoltori, la maggior parte immigrati irregolari, che si sono presi cura della nostra terra, amandola e rispettandola ogni giorno, più di quanto lo facciamo noi che in quella terra ci siamo nati. E perciò mi chiedo, è giusto che questi signori, questi ragazzi, questi lavoratori indefessi e taciturni che permettono alle nostre tavole di colorarsi di tanti splendidi colori – un arcobaleno dalla velleità di essere souvenir – e alle nostre cucine di prendersi una pausa dal rumore dei clacson e di viaggiare con l’olfatto verso quei campi laconici e copiosi, non si sentono legati, non si sentono figli adottati dalla stessa terra che ogni giorno riempie le loro giornate, le loro mani, i lor occhi, i loro pensieri sul futuro? Secondo me non è giusto e chi può deve fare qualcosa. Una proposta potrebbe essere la sanatoria tanto vituperata negli ultimi dieci anni e che permette, a chi vive nel nostro paese in maniera irregolare, di autodenunciare la propria condizione di cittadino ombra, che lascia tracce meno invisibili del suo status sui campi dove è costretto a lavorare in condizioni ignobili, e richiedere il permesso di soggiorno dietro una proposta di lavoro. E bisogna farlo presto perché questa proposta pervenuta in parlamento l’11 aprile è stata riesumata dagli abissi burocratici dell’anno 2017 e, ancora oggi, non ha preso vita; ma di vite ne potrebbe salvare molte. Regolarizzare i cittadini stranieri irregolari che lavorano nei campi e poi estendere questo diritto (che ormai ha assunto i connotati di un privilegio per pochi eletti) a tutti gli altri settori economici, potrebbe essere il primo grande passo per dare dignità a centinaia di migliaia di volti con una storia alle spalle e allo stesso tempo garantirebbe la sopravvivenza della filiera produttiva agricola, che senza questi lavoratori senza patria non potrebbe sussistere. Come dice Roberto Savianonon può esistere una società dove esistono cittadini più cittadini di altri”: il virus ci ha insegnato che di fronte alla malattia e al dolore siamo tutti uguali, non esistono differenze; perchè non possiamo avere lo stesso pensiero sulla schiavitù tacita ma surrettizia che ci fa compagnia da tanti anni e continuiamo volutamente ad evitare? Finché qualcosa di buono o cattivo non ci riguarda direttamente, non ci bussa alla porta e ci costringe a guardarlo di persona, non fa visita ai nostri amici e ai nostri cari, allora non ci importa. Siamo stati tutti bravi a darci sostegno e ad essere solidali dai balconi e a distanza l’uno dall’altro, perché non riusciamo a raccogliere questo spirito d’umanità verso quelle persone che, per anni, nelle nostre città, nei nostri paesi e nelle nostre vite sono entrate più volte a contatto con noi? A maggio riprenderemo la nostra quotidianità apportando qualche modifica comportamentale come il distanziamento precauzionale: non dobbiamo fare un grande sforzo per abituarvici, da anni ci hanno insegnato a mantenere le distanze sociali da tutte quelle persone che vivono nel nostro paese, ma senza che nessuno di noi lo sappia. Spero che possiamo tutti (Governo in primis) migliorare da questa crisi ed imparare che anche le radici più deboli e nascoste permettono all’albero di vivere e gli impediscono di cadere.
Torna alle news
Tags
#Chiesa #FAST #Ukraine #WAI #WelcomeUkraine 100 vele Academy Accademie Italiane Accommodation agevolazioni albanesi in utalia Albania alunni stranieri Aquila arte Artyou Roma Assadakah Assegno familiare stranieri assegno sociale assegno sociale per stranieri Assicurazione Assicurazione Sanitaria Assistance assistenza medica in Italia assistenza per stranieri assistenza socio sanitaria Association Associazione per stranieri attesa occupazione attualità aumento costi SSN Aut Basilica San Pietro Bocconi Bolzano bonus bebè bonus mamma Borghi business italia business visa Italy CAF Cambiamento climatico Carta d’identità per cittadini stranieri carta di soggiorno Carta identita cerco lavoro CERTIFICAZIONE VERDE certificazioni informatiche CI cibo cina cittadinanza cittadini albanesi cittadini extra comunitari Cittadini extra UE cittadini stranieri cittadino extracomunitario clima climate clock Codice fiscale colosseo congedo mestruuale conversione permesso copertura sanitaria copertura sanitaria stranieri coronavirus corsi di lingua italiana corsi lingua italiana corsi professionalizzanti corsi stranieri corsi universitari corsi universitari online corso formativo COVID 19 crisi climatica cultura culture curiosità Dama Galleria Dante decreto flussi dichiarazione di presenza didattica Digital digitale diritti documentazione scuola stranieri documento di soggiorno in trattazione donna donne economia editoriale emergenza sanitaria entrare in Italia Erasmus esami EUR Europ Assistance Europa eventi eventi letterari eventi wai evento velico Fake news family reunification femminismo Festa festa della donna festa della mamma Festa della Republica Festeggiamenti finanza Firenze Fondazione MAXXI foreign students formazione formazione professionale Formula E Friday for Future Fridays for Future Gay Pride gender gap Giardini del Quirinale Gran Premio Grandmother Project Green health insurance for foreigners Health insurance italy Hi-tech Holidays Rome ICOMOS ID ID card inclusione Indiani Integrazione international student Iran iscrizione anagrafica iscrizione scuola infanzia iscrizione stranieri a scuola iscrizione volontaria SSN ISEE Islam istituto David istituzione italia Italia rimborso spese Italy Klimt kosovo Laurea lavorare in Italia Lavoratori lavoro lavoro al nero lavoro degli stranieri lavoro stranieri lazio legalizzazione documento letteratura lettura LGBTQIA+ Lifestyle LIM lingua italiana Little by Little Luiss marzo master italia Master primo livello Matera Mauritania Milano studi Mille miglia Ministero degli Esteri Ministero della Cultura Ministero Istruzione Minoranze Modena molise Museo Virtuale notizie utili Overseas Palazzo dei congressi pandemia pensione in italia pensione per gli stranieri pensione stranieri permesso di lungo periodo permesso di soggiorno permesso soggiorno PermessoUE Pittori Pixar pizza Playlist Politecnico di Milano Politecnico Milano polizza sanitaria precariato Premio pace Primo Maggio pubblica amministrazione punteggi docenti raccolta fondi Ramadan recessione reddito di inclusione Reggia di Caserta regolarizzazione residence card Residence Permit resident permit ricongiungimento familiare Riconoscimento non accademico riconoscimento titolo di studio rimborso spese mediche rinnovo passaporto rinnovo permesso Road to Rome roma Romapride Rome Rwanda Sacro Cuore Sciopero Scuola scuola iscrizione stranieri Scuola italiana scuole di lingua seminario Senegal servizio sanitario nazionale SMA Smart working soggiornare in italia sonno spagna spese mediche Sportello Unico per l’Immigrazione Spotify stranieri stranieri a scuola stranieri e scuola Stranieri in Italia stranieri tessera sanitaria straniero Extra U.E. studente Extra UE studenti studenti albanesi studenti in Italia Studenti stranieri Studiare in Italia study visa tablet Talenti Italiani tax code tecnologia tempo libero tessera sanitaria Tor Vergata tour virtuali traduzione travel for work Trieste trovare lavoro turismo turismo in Italia UCAI Ucraina ue Unesco università vacanza vacanze Vaticano Verona viaggi viaggiare visa visite guidate Visto visto d'ingresso visto d'ingresso per affari visto Schengen uniforme vivere in Italia Vivere in Italia VN VSU VTL WAI academy WAI corsi Welcome Association Italy welfare World Heritage Day

Lascia un commento

Commenti

Senza Titolo(Obbligatorio)